giovedì 7 dicembre
20.30

Apertura Festival

A seguire, il film d’apertura

Newton

Amit Masurkar, v.o. sott. italiano e inglese, 105’, India, 2017

Film rivelazione del 2017, proiettato all’ultima Berlinale e candidato indiano agli Oscar 2018. Newton, responsabile di un seggio elettorale allestito nel mezzo della giungla, si vuole assicurare che tutto avvenga secondo le regole. Tra complicazioni organizzative e ostilità con i suoi colleghi al seggio, sarà un’esperienza da non dimenticare…

Sarà presente il produttore Manish Mundra.

venerdì 8 dicembre
11.00

East is East

Damien O’Donnell, v.o sott. italiano, 93’, UK, 1999

Commedia di grande successo interpretata da Om Puri – scomparso a gennaio del 2017 – in cui un uomo pakistano abita con la moglie inglese e i loro sette figli nella Londra degli anni Settanta.

14.30

It’s not that simple

Serie I, ep. 1 e 2, v.o. in inglese, 54’, India, 2016

Meera, Jayesh, Sameer e Rajiv vivono tranquillamente le proprie vite, finché quella che doveva essere un’innocua riunione scolastica le intreccerà e le cambierà per sempre.

15.30

Angamaly Diaries

Lijo Jose Pellissery, v.o. sott. italiano e inglese, 129’, India, 2017

Interpretato da 85 attori esordienti e ritmato da una colonna sonora accattivante, il film racconta le vicende di due gang locali, trasportando lo spettatore nel colorato mondo della cittadina di Angamaly, nel Sud dell’India.

18.00

Filmisthaan

Yasmin e Fazal Kidwai, v.o. sott. italiano, 78’, India, 2017

Bollywood: che cos’è realmente e cosa rappresenta nell’immaginario collettivo, con interviste ai divi più conosciuti tra cui Amitabh Bachchan, Aishwarya Rai e Shah Rukh Khan.

Saranno presenti i registi Yasmin e Fazal Kidwai.

Dalle 18.30 alle 19.30 nella Saletta Mymovies.

Visione a 360 gradi di cortometraggi in realtà virtuale.

20.30

Shab (The Night)

Onir, v.o. sott. italiano e inglese, 108’, India, 2017

I sogni e le aspirazioni degli abitanti della megalopoli di Nuova Delhi, tra amori, vizi e destini che si intersecano.

Sarà presente il regista Onir.

sabato 9 dicembre
11.00

Quel giorno – morte di Gandhi

italiano, 39’ , filmato di Rai Teche

A seguire, conversazione

Oltre il mito. Cosa resta del Mahatma oggi

Intervengono: 

Rocco Altieri, pacifista, studioso del pensiero legato alla non violenza, professore dell’Università di Pisa e fondatore del Centro Internazionale per la Nonviolenza Mahatma Gandhi.

Fabrizia Baldissera, prof.ssa associata di Lingua e Letteratura Sanscrita (e Tradizioni culturali dell’India) presso il dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Comparate dell’Università degli Studi di Firenze.

14.30

It’s not that simple

Serie I, ep. 3 e 4, v.o. in inglese, 54’, India, 2016

Dopo la tentazione e le scelte difficili, Meera arriva a valutare tutti i pro e i contro.
Quale sarà la sua scelta? Ma soprattutto, chi sarà la sua scelta?

15.30

Gandhi 

Richard Attenborough, v.o. sott. italiano, 183’, UK-India, 1982

Biopic sul Mahatma Gandhi, interpretato da Ben Kingsley e vincitore di otto premi Oscar. Il film ripercorre le tappe più importanti della vita del protagonista, dalla sua vita di giovane avvocato alla morte il 30 gennaio 1948, poco dopo l’Indipendenza dell’India avvenuta il 15 agosto 1947.

Dalle 18.30 alle 19.30 nella Saletta Mymovies.

Visione a 360 gradi di cortometraggi in realtà virtuale.

19.00

Cortometraggi 1, 42’

And sometimes, she loved me too di Karan Talwar, v.o. sott. italiano, 15’, India, 2017

A Secret Heart di Cary Sawhney, v.o. sott. italiano, 16’, UK, 2016 

Shvaasa di Vishnu Thilak, senza dialoghi, 11’, India, 2017

Rapporti d’amore e di coppia.

Sarà presente Parag Sankhe, il produttore di A Secret Heart.

20.30

My Pure Land

Sarmad Masud, v.o. sott. italiano e inglese, 97’, UK, 2017

La vera storia della giovane Nazo che, rimasta sola con la madre e la sorella alla morte del padre e del fratello, si trova a difendere con le unghie e coi denti la propria casa nelle terre brulle del Pakistan. Un intenso western moderno in chiave femminile. Candidato UK agli Oscar 2018.

Sarà presente l’attrice Suhaee Abro.

domenica 10 dicembre
11.00

Stir

Niara Modi, v.o. sott. italiano, 12’, Canada, 2016  

Laila decide di cucinare un tipico piatto indiano per ricordare la madre, e invita la famiglia a cena. Non ricorda bene la ricetta ma una sorpresa l’aspetterà al suo rientro a casa…

A seguire, conversazione

Sapori e segreti delle spezie e del cibo indiano, fino al loro utilizzo nella nostra cucina.

Intervengono:  

Barù, conduttore TV e opinionista, esperto enogastronomico

Umar Malik, chef e proprietario del ristorante indiano Zafferano di Firenze

14.00

It’s not that simple

Serie I, ep. 5 e 6, v.o. in inglese, 59’, India, 2016

Meera ormai consapevole del tipo di donna che vuole essere, racconta il suo segreto al marito Jayesh. Il loro matrimonio sopravviverà?  Nel frattempo Jayesh ha un bizzarro incontro…

15.00

Cortometraggi 2, 43′

Kajal  di Paakhi A. Tyrewala, v.o. sott. italiano e inglese, 21’, India, 2016

The Machine di Tathagata Chatterjee, v.o. sott. italiano e inglese, 7’, India, 2017

Vaarasa di Shreyas Chougule, v.o. sott. italiano e inglese, 15’, India, 2017

L’inadeguatezza e il peso della quotidianità.

16.00

Earth

Deepa Mehta, v.o. sott. italiano, 110’, India-Canada, 1998

Film appartenente alla Trilogia degli Elementi e che si svolge a Lahore nel 1947, anno della partizione nonché dell’Indipendenza dell’India. Dopo questa data la vita dei protagonisti non sarà più la stessa in quanto divisi dalla loro appartenenza a religioni differenti.

Sarà presente la regista Deepa Mehta in collegamento skype.

18.30

What is your brown number?

Vinnie Ann Bose, v.o. sott. italiano, 5’, India, 2016

Animazione che tratta il tema del colore della pelle in modo attuale e divertente.

A seguire

Abu

Arshad Khan, v.o. sott. italiano e inglese, 80’, Canada, 2017

Autobiografia che inizia con la partizione del 1947, quando i genitori del regista emigrano in Pakistan perché musulmani e, in seguito, in Canada. Che cosa significa crescere in una famiglia musulmana con genitori rigidi, essendo gay e avendo a che fare con il mondo dopo l’11 settembre.

Sarà presente il regista Arshad Khan.

Dalle 18.30 alle 19.30 nella Saletta Mymovies.

Visione a 360 gradi di cortometraggi in realtà virtuale.

20.30

Wrong Side Raju

Mikhil Musale, v.o. sott. italiano e inglese, 135’, India, 2016

Ispirato a fatti reali avvenuti nel 2013 a Ahmedabd, il thriller racconta la storia del giovane Raju che, invaghito di una ragazza francese per cui farebbe di tutto, si trova coinvolto in un caso misterioso…

lunedì 11 dicembre
18.00

Cortometraggi vincitori del concorso Advantage India

Layam di Gopi Krishnan, v.o. sott. italiano e inglese, 12’, India, 2017

The Coat di Anita Sharma, v.o. sott. italiano e inglese, 15’, India, 2017

Dalle 18.30 alle 19.30 nella Saletta Mymovies.

Visione a 360 gradi di cortometraggi in realtà virtuale.

19.00

Limitless

Vrinda Samartha, v.o. sott. italiano e inglese, 60’, India, 2017

Il jogging tra le donne in India come emancipazione oltre che come attività fisica, con l’ulteriore scopo di organizzare maratone a scopo benefico.

20.30

Ventilator

Rajesh Mapuskar, v.o. sott. italiano e inglese, 140’, India, 2016

Una famiglia intera si trova riunita in ospedale ad assistere un vecchio parente attaccato ad una macchina. Una riunione familiare che svela discordie e sentimenti tra padri e figli, con una punta di ironia che distingue i singoli personaggi e le loro caratteristiche. Interpretato da Ashutosh Gowariker e prodotto da Priyanka Chopra.

martedì 12 dicembre
18.30

Ask the sexpert

Vaishali Sinha, v.o. sott. italiano, 82’, USA-India, 2017

L’ex ginecologo 93enne Mahinder Vatsa tiene una rubrica giornaliera sul sesso su un quotidiano di Mumbai, rispondendo a domande di ogni genere. Il documentario esplora – con umorismo – la conoscenza dell’educazione sessuale in India, tra gli uomini e le donne di ogni età.

Dalle 18.30 alle 19.30 nella Saletta Mymovies.

Vsione a 360 gradi di cortometraggi in realtà virtuale.

20.30

Annuncio vincitori River to River Audience Award

A seguire

Omertà

Hansal Mehta, v.o. sott. italiano e inglese, 96’, India, 2017

Ispirato a fatti reali, racconta la storia del terrorista Omar Sheikh, responsabile del sequestro dei turisti occidentali in India nel 1994 e di altri atti deplorevoli, incluso l’omicidio del giornalista del Wall Street Journal Daniel Pearl. Sheikh è attualmente in prigione in Pakistan.

Sarà presente il regista Hansal Mehta.